SCRITTORI EMERGENTI

Alberto Calorosi è nato a Genova nel 1972. Vive e lavora a Parma.
Quando non lavora e non tracanna birra trascorre il proprio tempo a leggere vecchie storie di fantascienza, ascoltare Neil Young e De André, guardare film di Russ Meyer e John Carpenter. Scrive per passione e per necessità. Per il resto, è un personaggio assolutamente noioso. Ieri sera alla Libreria.coop presentava il libro “Il sorriso maldestro di Giulio Mariani Cobseschi”. 

 ferretti.jpg Andrea Ferretti, classe 1971, vive in provincia di Reggio Emilia. È ingegnere elettronico, ingegnere delle telecomunicazioni e dottore in comunicazione e marketing. Ha collaborato per dieci anni con la redazione reggiana de «il Resto del Carlino»; ha pubblicato vari racconti e ottenuto diversi riconoscimenti. Questo è il suo primo romanzo.

E ieri sera sono per caso capitata in questa libreria di un centro commerciale ad ascoltare la presentazione del libro.. con ieri ho avuto l’assoluta certezza che amo gli autori italiani. Quei ragazzi che non ti aspetteresti mai che abbiano scritto un romanzo, quelli che per strada sono totalmente anonimi ma che conservano un piccolo segreto. Si, sono pazza della scrittura italiana di giovani emergenti. E ieri in questa libreria io e Pia eravamo le uniche sconosciute, perchè la presentazione era molto a carattere “familiare”, la moglie dell’autore, i due figli e tanti amici. E io e Pia affascinate da questi due personaggi, l’uno autore l’altro presentatore, amici, che più che una presentazione han messo su un’ora di caberet. Ho letto le prime 30 pagine che si presentano assolutamente divertentissime… e lo stesso autore ha descritto il suo libro come una favola per adulti. Insomma… promette bene! Auguro ad Andrea Ferretti tanto successo.

Ah.. la libreria era bellissima.. aveva un’aria affascinate.. non le solite librerie, ma un sacco di scaffali in legno, di un colore caldo ed emozionate.. sembrava quasi di essere nella libreria di casa dove poter essere scelti dal libro che ti “guarda”..

spero di avere occasione di ascoltare altri giovani autori..

qui il sole splende.. buon sabato a tutti

 

SCRITTORI EMERGENTIultima modifica: 2008-11-08T10:45:00+00:00da aeneida
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “SCRITTORI EMERGENTI

  1. boh!..qlcs l’avrò trasmessa.. ma non credo di aver trasmesso la cosa giusta.. difficilmente ci riesco.. anche xkè sono contraddittoria.. voglio una cosa e allo stesso tempo no.. quindi magari creo confusione negli altri.. o gli altri mi “leggono” fraintendendomi.. e alla fine mollano.. ed io ci resto male anche se forse in fondo hanno fatto bene.. perchè se ho contraddizione forse non sn poi tanto normale!! =D

    vabè.. noto che ti stai godendo la città! e come me ti sei accorta del verde e degli automobilisti gentili che dai noi non ci sono!! =D

    per la linea.. impegnati ma senza essere troppo dura con te stessa e senza aspettarti risultati troppo in fretta.. su su! non demoralizzarti! piano piano.. puoi farcela! 😉

    buona domenica!

  2. oufff, che fatica.
    ma ci sono arrivato in fondo. sono riuscito finalmente a trovare il modo di registrarmi così da risondere al tuo post (e al tuo commento nel mio blog).
    beh, che dire, cara aeneida. grazie da parte mia e dell’autore per averci ascoltati, sopportati. per averci dedicato un po’ del tuo tempo. mi fa piacere che il libro ti sia piacuto, è piaciuto pure a me. lo dico con assoluta sincerità, a microfoni spenti.
    è davvero bello che ci sia ancora qualcuno che dedica risorse ai carneadi della letteratura. è una soddisfazione per chi se ne occupa.
    e grazie dei complimenti… sai non capita tutti i giorni di rompersi un osso e passare le vacanze di natale col piede per aria (a leggere, vedere film e svegliarmi a mezzogiorno… che pacchia!) e poi tornare in ufficio in una limpida ma gelida mattina di gennaio, aprire internet dopo un mese intero di disconnessione (quasi) completa dalla rete e trovare un post dove una ragazza ti fa sapere che ti trova un gran figo… beh, il mio primo pensiero è stato che si trattava di un delirio da antidolorifici. ma in realtà gli antidolorifici non li ho mai presi perché ho scoperto subito che il male passava anche col vino rosso e quindi… beh, non mi restava che registrarmi e risponderti qui. grazie di nuovo… figo io? sicura che non ti confondi con qualcun altro?
    ciao!

Lascia un commento